Cucinare in gravidanza

Prima di sposarmi non cucinavo….lo ammetto senza problemi! Vivevo con i miei e lavoravo 12 ore al giorno, il fine settimana volevo solo riposare.

Quando mi sono sposata mi sono subito rimboccata la maniche per imparare a fare qualcosa di più delle cose base che sapevo fare. Non voglio che pensiate sia poco modesta ma ammetto di cucinare bene. Mi sono comprata diversi libri di cucina, seguo diversi blog a tema, mi sono scaricata app dedicate e soprattutto ho scoperto che ho passione e che mi piace sperimentare! Ovviamente non sempre tutto riesce come dovrebbe e alle volte il risultato non è dei migliori, ma non demordo e riprovo finché riesco.

Da quando sono incinta naturalmente presto molta più attenzione a ciò che mangio e che cucino considerando anche che sono toxo-negativa. Il mio Gine mi ha detto che posso mangiare di tutto: ovviamente tutto ben cotto e ben lavato. Sul bel lavato ho sempre dei dubbi, quindi ammetto di aver eliminato verdura cruda a favore di quella cotta che mi fa stare più tranquilla.

Il problema si pone con il ben cotto……..quando cucino entro in crisi e mi chiedo se ho cucinato a dovere quella determinata cosa. Spesso “scavo” la carne per vedere il colore all’interno con l’inevitabile fuoriuscita dei liquidi che spesso la rendono più saporita e con il risultato che diventa quasi immangiabile. Il problema della carne è quello maggiore: la cuocio per ore a bassa temperatura così da farla cucinare bene ma a volte in base al tipo e taglio di carne all’interno appare rosata. Marito dice che è cotta, che non c’è sangue e che posso mangiarla, considerando che magari è stata 2 ore in forno, ma io non mi faccio convinta. Se poi andiamo a cena fuori è ancora peggio: chiedo ovviamente di cuocerla bene specificando che sono incinta e anche lì ogni boccone è un dramma, analizzando se all’interno va bene la cottura oppure no. Ho anche pensato di comprarmi il termometro per alimenti (per casa naturalmente) così da verificare la temperatura interna che dovrebbe essere intorno ai 75° per essere sicura.

Anche se mangio uova o qualcosa che contiene uova cotte naturalmente c’è la solita solfa; se faccio una frittata finisco che la bruciacchio di fuori perché mica sono sicura che all’interno va bene.

Insomma io credo che sto davvero diventando pazza esagerata ma non riesco a limitarmi e moderarmi…

E adesso “insultatemi” pure o meglio ancora datemi qualche consiglio perché non posso farne una malattia….  🙂

Annunci

One thought on “Cucinare in gravidanza

  1. Ti sei data da sola tutto: problema e soluzione. Sei troppo paranoia, devi smetterla di esserlo, ecco tutto 😊.
    So che non è facile, anche io avevo la toxo negativa e stavo a guardare varie cose, no salumi solo il cotto, tutto molto cotto, verdure crude all’amuchina ecc.. Poi, nella seconda gravidanza, me ne sono fregata un po di più, ma alla fine passerà e se ci pensi fai queste rinunce/controlli per un’ottima ragione, per questo motivo è importante fare attenzione ma anche non diventare malate. Non comprare nessun termometro. Come quelle mamme che fanno la doppia pesata ad ogni pasto: poi entri in un circolo vizioso dal quale è difficile uscire!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...