Giudicare la PMA

Mi sa che dovrei cambiare il titolo del blog da “diventeromamma” a “sonopolemica” ma vi giuro che ci sono cose che proprio mi mandano in bestia!

Negli ultimi giorni mi è capitato per ben due volte di trovarmi di fronte allo “spinoso” argomento della PMA affrontato da donne che non hanno idea di cosa significhi.

La prima volta è stata qualche giorno fa quando ho letto sul blog di Laura  questo articolo che vi consiglio di leggere perché molto profondo. In pratica si commentava la lettera che una donna spedì a Vanity fair affrontando il problema PMA; di seguito vi riporto la lettera copiata dal blog di cui sopra visto che, non abitando in Italia, non ho avuto il “piacere” di leggerla direttamente dalla rivista.

Mamme mancate, perché non adottate?

“Più passano gli anni e più mi convinco di un pensiero che ho sempre avuto dentro di me: chi crede soltanto ai legami di sangue non merita nemmeno i progressi della scienza. Sono una lettrice devota, appassionata direi accanita ma da un giornale libero e liberale come Vanity Fair e da chi lo scrive mi aspetto più rigore nello scegliere le lettere. Sempre queste mamme mancate che si sfondano di punture, si allargano di ormoni, si illudono di viaggi verso strutture ospedaliere italiane e straniere alle volte si affidano a chiunque per la pancia. Ma un bambino che aspetta solamente di chiamarvi Mamma, sempre più spaventato, triste e forse deluso, in qualche angolo del mondo no eh??. Allora viva le mamme del cuore, della testa e della vita. Scusi la foga.
P.S.: io ho due gemelli “naturali” e non li volevo, nel senso che sono arrivati a sorpresa, io volevo adottare!”

Non potevo non sentirmi punta nel vivo, io donna che si è sfondata di punture, che si è allargata a causa degli ormoni e che si è illusa con viaggi verso la clinica……ho fatto tutto questo è vero, ma mi chiedo chi sia la Signora per potermi giudicare, da pensare che credo solo ai legami di sangue e che pertanto non sono degna dei progressi della scienza. Mia cara Signora, Lei non sa nemmeno lontanamente cosa significhi affrontare un percorso per la PMA, né ha voglia di saperlo dato che si nasconde dietro dei preconcetti…..chi le dice che una donna PMA non prenda anche in considerazione l’adozione, tanto per cominciare? E se anche una donna non si sentisse pronta al passo dell’adozione ma a quello della PMA? E’ davvero passibile di giudizio? Che poi vedere l’adozione come un “salvare un bambino spaventato triste e che vuole chiamare Mamma” lo trovo molto riduttivo e come dice Laura non è un’opera di carità, ma un percorso che si sceglie, si affronta e che anche in quel caso porta spesso inevitabili delusioni. Certamente non tiene nemmeno in considerazione l’eventualità di coppie che vogliono affrontare ADDIRITTURA la fecondazione eterologa..immagino che queste coppie siano proprio da evitare secondo il Suo punto di vista! Ovviamente la Signora è madre, addirittura di 2 gemelli, non voluti…arrivati a sorpresa (forse trovati nell’uovo di Pasqua???)…ovviamente.

Poi proprio ieri su una pagina Facebook relativa alla maternità, una donna chiedeva consigli dopo 1 anno di ricerca andata a vuoto: naturalmente quello più gettonato era……..”basta non pensarci!!!”. Ovvio, no? Noi donne PMA lo sappiamo che è questo che risolve tutto! Io ho pacatamente (all’inizio) espresso la mia opinione in merito, sottolineando come non è esattamente così; ho fatto presente in linea di massima la mia esperienza, ho scritto come anche i medici con cui ho parlato (tanti…troppi) hanno detto che la psiche può giocare un ruolo ma che comunque non è il vero motivo per cui una persona non rimane incinta…insomma tutte le cose che noi donne PMA sappiamo ma che anche le altre donne possono ben capire……alcune almeno.

Mi è, invece, toccato leggere come non è vero quello che dico e che è tutto e solo un fattore psicologico, che noi ci ostiniamo, che è squallido (!!!!!) avere rapporti mirati per cercare di avere figli, che è triste non sapersi rassegnare a una vita senza figli……tutto ciò detto da altre donne….e ovviamente già madri! Perché è chiaro che se fossero state donne che lottavano per cercare un figlio non avrebbero mai detto nulla del genere.

L’ho detto più volte, se non si passa attraverso un determinato percorso (qualunque esso sia) non si può capire fino in fondo cosa significa. E’ molto facile dire che è solo una questione psicologica.Partiamo dal fatto che qualunque donna non è che comincia dal primo giorno di ricerca ad avere il pensiero fisso, ma questo si fa avanti quando i mesi prima e gli anni dopo passano; per non parlare del fatto che conosco donne che hanno usato stick ovulatori dalla prima volta che hanno deciso di aprire la caccia e tac…ecco che sono rimaste incinte subito! Per loro non vale la questione psicologica? Oppure si pensa che si fanno gli stick ma poi il pensiero non va a quello?

Non commento proprio il definire squallido l’avere rapporti mirati..o meglio spendo solo una parola….non è il massimo, lo so, ci sono passata ma squallido???? Per me nella vita lo squallore è altro ma va beh….

Sul rassegnarsi a una vita senza figli……vorrei vedere quanto facile è se non si vive la situazione. Se a dirmelo fosse una donna che ha provato di tutto, non è riuscita e ha deciso che va bene così beh..tanto di cappello….io non so se ci sarei riuscita, ma che a dirlo sia una donna che ha già un figlio mi pare una bella presa per il cxxx! Come fai a dire che bisogna rassegnarsi, tu che un figlio ce l’hai, lo stringi tra le braccia, lo hai portato 9 mesi in grembo e partorito, nutrito etc etc etc….no davvero, dimmi come ti permetti di giudicare qualcosa di cui non hai la minima idea?? La stessa donna si definisce contraria all’accanimento terapeutico e favorevole all’adozione. Beh non è anche l’adozione un non voler accettare una vita senza figli?

Da tutte queste discussioni mi sono chiesta perché certe donne debbano avere questa totale assenza di empatia nei confronti delle altre, solo perché hanno avuto un percorso diverso; comprendo il non condividere e magari scegliere delle vie diverse, ma questo non fa di tali donne delle donne migliori né peggiori. E’ davvero così difficile capire perché una donna desideri ardentemente un figlio e faccia di tutto per averlo? Soprattutto se tu sei già mamma dovresti capire bene certe emozioni e certi sentimenti, invece è proprio da queste mamme, da quelle che poi i figli li hanno avuti “per sbaglio” (nel 2015???),  che arrivano i giudizi più feroci.
E in ultimo non capisco davvero perché chi adotta fa un gesto nobile e chi fa fecondazione invece è egoista. Non fraintendetemi, non critico il percorso dell’adozione (che anche io presi in considerazione anche se come percorso “ultimo”) anzi ammiro di cuore chi intraprende una strada come questa tutta in salita (perché sappiamo che adottare non è semplicissimo) ma mi chiedo perché fare una gara tra donne che scelgono strade diverse?

Come sempre chiedo il vostro parere perché a volte mi sembra di essere diventata troppo dura……

Annunci

12 thoughts on “Giudicare la PMA

  1. Bisognerebbe SEMPRE imparare a non giudicare il prossimo. Io non so cosa farei al tuo posto, non ho nemmeno mai cercaro un figlio quindi come posso saperlo? Ma giudicare mai!!!

    Mi piace

  2. Questo é un discorso conosciuto, fatto dei soliti concetti e di frasi dette e ridette.
    La verità é che purtroppo ciò che può pensare e dire una mamma “naturale” é condizionato dall’ignoranza, quella del non sapere.
    E lo capisco, non la biasimo da una parte.
    Io stessa, prima di accettare di dover ricorrere alla Pma per realizzare una cosa che la natura in normali circostanze fa benissimo da sé, ci ho messo un po’. Ho fatto fatica ad accettare di dover fare dei passaggi poco intimi e molto monitorati e medicalizzati ed ho sperato con tutte le mie forze di non doverlo fare.
    Io che fino a ieri non andavo dal medico nemmeno a farmi dare i giorni di malattia per il lavoro, figuriamoci chiedere un aiuto per procreare.
    Io che tutti i mesi ci provo e ancora ci spero.
    Come possono capire loro?
    Cosa ne sanno della sensazione di “mondo che ti crolla addosso” quando ti dicono che non puoi e di “ultima spiaggia” intesa come unica soluzione per ad avere un figlio tuo, frutto del tuo legame con Lui. Carne della tua carne.
    E’ un’opportunità che ti viene strappata e una parte di te se ne va, come può essere una cosa da niente?
    Si può vivere senza figli é una frase da pronunciare con così tanta leggerezza? Ovvio che no, ma cmq la dicono.
    E poi troppo facile suggerire l’adozione. Come se A) sei contro natura per cui vatti a prendere dei figli già fatti B) fosse un percorso semplice.
    Chi parla di adozione dandoti della egoista senza cuore perché non segui quella strada, ancora una volta non sa.
    Non sa che magari ci hai pensato e che magari sarà la tua prossima scelta.
    Non sa quanto costoso in termini di risorse e di energie sia.
    Ecco come dissi tempo fa, ripeto che le mamme vs cercatrici vincono facile, sanno colpire a morte senza nemmeno rendersi conto di aver combattuto contro qualcuno che era già ferito.
    Ma io le giustifico ancora tutte, perché loro non sanno di cosa parlano.
    (Perdonami la lunghezza nella risposta)

    Mi piace

  3. Anche io mamma PMA. Certo che a volte dipende dalla psiche. Ma cosa c’entra? Anche io ero per l’adozione, ma mio marito voleva fare il papà. Abbiamo avuto fortuna e sono venuti due gemelli.
    Vorrei adottare? Forse, se ce la facessi. Ma bisogna essere convinti in due, perché non è carità, ma costruire una famiglia. In qualsiasi modo si diventi madre, meglio ricordarsi che l’unione fa la forza…

    Liked by 1 persona

  4. Non riesco a commentare. Cioè, come vedi riesco, fisicamente, a scrivere, ma non riesco a scrivere cose sensate sull’argomento…mi si chiude la vena. Mi viene voglia di urlare, di scuotere per il bavero queste teste di gran cazzo, scusa la parola teste.
    Questi discorsi li ho sentiti milioni di volte, lo squallore, il non pensarci, il “adotta che è meglio”. Ognuno deve dire la sua, così, su una cosa che non conosce affatto.
    Soprattutto sul discorso adozione divento una bestia. Come se adottare fosse facilissimo, primo, e come se dovesse essere la seconda scelta, secondo. Ma che cazzo di discorsi tocca ascoltare!

    Mi piace

  5. Ah, ho studiato psicologia, mi sono perfezionata e iscritta all’albo. Sono assolutamente d’accordo con la potenza della mente, la psicosomatica e tutto….ma ci sono donne con le tube chiuse, per esempio. E puoi farne a mazzi, di psicoterapia, in quel caso…ma voglio vedere io cosa ci fa la consapevolezza e la conoscenza di sè, alle tube! Ed è solo un esempio. Imbecilli.
    Scusa, la pianto.

    Liked by 1 persona

  6. Esatto cara, sono perfettamente d’accordo con te… Purtroppo secondo me si parla ancora molto (troppo) poco di PMA e l’ignoranza è dura da vincere!
    Noi che ci siamo dentro ci vediamo isolate, incomprese e giudicate mentre “gli altri” ci considerano un mondo a parte e non sospettano nemmeno quanti siamo…
    E quindi è più facile per loro sparare giudizi a caso senza interrogarsi in profondità ed immedesimarsi in noi! L’adozione? Molto bello e facile, in linea teorica. Come se, in ogni caso, la PMA fosse una passeggiata!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...